AU-CNS

 

 

Fondamenti di
TOSSICODIPENDENZA DA OPPIACEI
Un compendio pratico per medici

Vagabond Eyes / Occhi VagabondiPagine / Pages: 60
Prezzo / Price: gratis / free of charge
Dimensione / Size: 1,2 MB
ICRO MAREMMANI
MATTEO PACINI
PIER PAOLO PANI

Pacini Editore Medicina, Via A. Gherardesca, 56121 Ospedaletto, Pisa, Italy, EU
AU-CNS, Via XX Settembre, 83 - 55045 Pietrasanta, Lucca, Italy, EU

Scarica / Download

Questo compendio riassume le informazioni di base necessarie ad un corretto inquadramento medico ed alla formulazione di un idoneo trattamento farmacologico per pazienti dipendenti da oppiacei. Il compendio segue una sequenza logica di apprendimento, dalla neurobiologia di base alla clinica e alla terapia. Gran parte delle conoscenze sulla materia sono, in realtà, derivate da nozioni di neurobiologia, dall’osservazione del decorso della dipendenza da oppiacei e dalla verifica di ipotesi terapeutiche (la teoria del rinforzo comportamentale, la teoria del blocco narcotico, la teoria della malattia metabolica). I risultati di questi approcci hanno consentito di rileggere le nozioni e i dati epidemiologici alla luce di una nuova concezione medica e biologica della dipendenza da oppiacei, sempre più lontana da modelli esplicativi puramente tossicologici (tolleranza/astinenza) o sociologici, e sempre più incentrati su una semeiotica biologica ad espressione comportamentale, che richiama anche nozioni di psicopatologia e psichiatria.
La dipendenza da oppiacei è una malattia cronica ad andamento recidivante che colpisce il sistema nervoso centrale e che produce gravi conseguenze mediche, sociali ed economiche. Le persone dipendenti da oppiacei sono esposte a rischi gravi per la salute, quali l’overdose, la trasmissione di malattie infettive per via sessuale o parenterale, le cattive condizioni dal punto di vista somatico e mentale, le frequenti ospedalizzazioni [43]. Per la società, nel suo complesso, la dipendenza rappresenta un problema economico sia in termini di costi sanitari diretti (p.e. dovuti all’organizzazione dei servizi di trattamento e di prevenzione), sia in termini di impatto su altre voci di spesa (p.e. qualità di vita della comunità, criminalità). Inoltre, la dipendenza da oppiacei riduce la produttività lavorativa, crea disoccupazione, assenteismo e mortalità prematura dei lavoratori [111]. Nell’Europa Occidentale e Centrale si stima che ci siano 1-1.400.000 dipendenti da oppiacei, con un tasso di prevalenza corrispondente dello 0.4-0.5% della popolazione generale.
date le dimensioni del fenomeno, è necessario che i medici che vogliono occuparsi della gestione di persone con dipendenza da oppiacei abbiano a disposizione compendi basati sull’evidenza scientifica per una rapida ed efficace consultazione. Questo compendio intende essere una risorsa utile per medici di ogni tipo che abbiano o vogliano avere a che fare con la diagnosi e il trattamento di soggetti con uso problematico di oppiacei – in particolare, medici che prescrivono o intendono prescrivere terapie con agonisti. Il compendio è basato sul materiale del corso “Basics on Addiction” sviluppato come iniziativa congiunta di un gruppo di esperti italiani nel trattamento delle dipendenze, guidato dal Prof. Icro Maremmani (presidente di EUROPAd) e dal Prof. Pier Paolo Pani (Presidente della Società Italiana Tossicodipendenze).
Per trattare le persone dipendenti da oppiacei è, in primo luogo, necessario capire le basi biologiche dei comportamenti tossicomanici nell’ottica di una malattia cronica a decorso recidivante. La prima parte del compendio tratterà, quindi, la neurobiologia della dipendenza da oppiacei scorrendo i capitoli degli effetti degli oppiacei sull’organismo e sulla cellula ed i meccanismi di adattamento agli oppiacei (tolleranza, astinenza, craving e recidivismo). La seconda parte descriverà gli approcci diagnostici e la valutazione clinica del paziente necessari all’instaurazione di un corretto intervento terapeutico, sottolineando che l’inquadramento deve essere completo e ripetuto durante l’osservazione clinica per assicurare che gli strumenti terapeutici siano adatti alla situazione clinica del momento. L’ultima parte discuterà i principi generali, gli obiettivi e le strategie alla base dei trattamenti medici per la dipendenza da oppiacei, i profili peculiari del metadone, della buprenorfina e della combinazione buprenorfina-naloxone, e come ciascuno di questi trattamenti possa e debba essere impiegato secondo criteri di sicurezza ed efficacia.

Scarica / Download

 

AU-CNS Associazione per l’Utilizzo delle Conoscenze Neuroscientifiche a fini Sociali
Association for the Application of Neuroscientific Knowledge to Social Aims
Via XX Settembre, 83 – 55045 PIETRASANTA (Lucca) - Italy
Tel/Phone: 0584 - 790073 - Fax: 0584-72081
E-mail: info@aucns.org