Associazione per l’Utilizzo delle Conoscenze Neuroscientifiche a fini Sociali
  • English
  • Italiano

Libro

Clinica e Neuropsicofarmacoterapia del Disturbo Duale (Parte Prima)

Clinica e Neuropsicofarmacoterapia del Disturbo Duale
(Parte Prima)

Pagine: 112
Lingua: italiano
Autore: Icro Maremmani
In collaborazione con: Angelo G.I. Maremmani e Matteo Pacini

Puoi ricevere questo volume versando un contributo di € 25,00, comprensivo di spese di spedizione.

Ordina il libro

 

Gli ambiti della psichiatria e delle dipendenze sono rimasti a lungo separati in relazione ad una concezione non-medica, o comunque non-psichiatrica, della tossicomania. Si comprende come la psicopatologia generale delle dipendenze e delle condotte di abuso sia ad oggi un’area non adeguatamente esplorata. L’idea di delineare un profilo psicopatologico specifico dell’uso di sostanze è senz’altro originale e interessante, con importanti implicazioni sia sul piano teorico che su quello della pratica clinica.
Nella letteratura recente, il ricorso a termini quali “doppia diagnosi” o “comorbidità” è sostenuto più che da una concreta realtà clinica e fisiopatologica, dalla fragilità della nosografia psichiatrica, che fa riferimento ad un numero elevato di categorie sindromiche dai limiti imprecisi e di scarsissima validità. Molti pazienti finiscono col ricevere più etichette diagnostiche e molte delle cosiddette “doppie diagnosi” possono, di fatto, essere ricondotte alla varietà dell’espressione clinica del fenomeno tossicomanico, che di per sé comporta il coinvolgimento di aspetti istintivo-motivazionali, emotivo-affettivi ed ideativi a comune con altri ambiti psicopatologici.
Gli elementi essenziali delle condotte di abuso, rappresentati dal craving e dalla perdita del controllo sulle spinte istintuali, sono largamente condivisi con i disturbi dell’umore e dell’impulsività. In un’ottica psicopatologica, il craving e le condotte tese a soddisfarlo somigliano da vicino ad alcuni elementi dell’eccitamento maniacale. L’uso della sostanza stessa ed i rituali comportamentali ad esso associati assumono il ruolo di idee prevalenti e di uno scopo prioritario, al quale l’individuo tende, seguendo una spinta appetitiva capace di oscurarne ogni altra. Così, al di là delle differenze cliniche, (ipo)mania e tossicomania condividono l’aspetto dell’eccitamento comportamentale e della disinibizione impulsiva tesa al soddisfacimento immediato del piacere soggettivo.
In epoca più recente si è potuto chiarire come sia soprattutto l’impulsività abituale, come tratto temperamentale ipertimico o ciclotimico, a conferire un rischio elevato per il coinvolgimento precoce nell’abuso di sostanze e la sua evoluzione nel tempo verso la tossicomania. Alcune sostanze ad azione psicostimolante, tipicamente la cocaina, oltre ad aggravare l’eccitamento e la sintomatologia espansiva, tendono a produrre quadri di tossicomania con impulsività parossistica, come testimoniato dalla minor attenzione per le precauzioni igieniche, il coinvolgimento in attività criminali, le condotte aggressive e il consumo intensivo (binge), con i rischi dell’intossicazione acuta. In questi quadri, la persistenza del craving e della ricerca della sostanza è concomitante a fasi di particolare attivazione emotiva, comportamentale ed ideativa.
Ovviamente disturbi dell’umore, impulsività, dipendenze comportamentali e tossicomania concomitano spesso e rappresentano fattori di rischio reciproci; ma tutte queste condizioni possono essere viste in una prospettiva psicopatologica unitaria. In una concezione più ampia è possibile ipotizzare che l’uso di sostanze, l’instabilità umorale di tipo ciclotimico, l’impulsività ad essa associata ed alcune condotte sociopatiche affondino le radici nello stesso substrato costituzionale. Questa prospettiva, spesso assente nella letteratura psichiatrica ed in quella che si occupa di dipendenze, offre l’opportunità di una migliore comprensione sul piano fisiopatologico e clinico e può consentire un approccio terapeutico più corretto non solo ai disturbi da uso di sostanze ed alle dipendenze in generale, ma anche ai disturbi mentali caratterizzati da disregolazione emotiva, instabilità dell’umore e disturbi del comportamento.

Giulio Perugi
Professore Associato di Psichiatria
Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università di Pisa

Direttore
Unità Operativa di Psichiatria Universitaria 2 Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

 

 

Acquista questo libro
Euro 

 

Lascia questo campo vuoto

Informazioni sul trattamento dei dati personali degli utenti ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679
I dati immessi in questa pagina verranno trattati da AU-CNS Associazione per l’Utilizzo delle Conoscenze Neuroscientifiche a fini Sociali con strumenti manuali e/o informatici, nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, al solo fine di rispondere alle tue richieste. La natura del conferimento dei dati è facoltativa: nel caso in cui i dati richiesti non ci vengano forniti, non potremo dar corso alla tua richiesta. I dati saranno accessibili e verranno trattati solo da soggetti delegati allo svolgimento delle attività e dei controlli legati alle finalità sopra descritte. Titolare del trattamento è AU-CNS Associazione per l’Utilizzo delle Conoscenze Neuroscientifiche a fini Sociali: potrai esercitare i diritti di accesso ai dati personali previsti dal Regolamento UE scrivendo al Responsabile Privacy: AU-CNS Associazione per l’Utilizzo delle Conoscenze Neuroscientifiche a fini Sociali - Via XX Settembre, 83 – 55045 PIETRASANTA (Lucca) - Italia.
Leggi l'informativa estesa sulla privacy.

* Campi obbligatori

AU-CNS Associazione per l’Utilizzo delle Conoscenze Neuroscientifiche a fini Sociali
Via XX Settembre, 83 – 55045 PIETRASANTA (Lucca) - Italy
P. IVA 01681650469 – Codice Fiscale 94002580465
Telefono: 0584 - 790073
E-mail: info@aucns.org

Privacy e CookiePreference CookieArea Riservata